E sia ben chiaro che io preferisco quest’Europa kaputt all’Europa d’ieri, e a quella di venti, di trent’anni or sono. Preferisco che tutto sia da rifare, a dover tutto accettare come eredità immutabile.

 

Curzio Malaparte, Kaputt, 1944.